Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Stefano Debei. Il sole artificiale

Da sempre l’uomo sogna di spingersi nello spazio alla ricerca di nuovi pianeti da esplorare. Uno di questi è Mercurio, la cui superficie può essere considerata come una mela spaccata in due: metà della sua superficie è infatti estremamente calda (più di 400 °C) e l'altra metà estremamente fredda (circa - 170 °C). Mercurio è anche il pianeta più vicino al Sole e l'irraggiamento solare è dodici volte superiore a quello che abbiamo sulla Terra. Stefano Debei, direttore del Centro di Ateneo di Studi e Attività Spaziali "Giuseppe Colombo" dell'Università di Padova, spiega che riprodurre in laboratorio le condizioni estreme dello spazio prima del lancio di un satellite o di un robot spaziale è un passo indispensabile per collaudare, verificare e ottimizzare prestazioni di sofisticate strumentazioni scientifiche. A questo serve il 'Sole artificiale' del CISAS, che ha consentito di testare molti importanti strumenti scientifici.

Vedi le altre puntate

Estratti

Stefano Debei. Il sole artificiale

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo